Tu sei qui

Montecatini Terme: presto i lavori all'acquedotto collinare

20 Maggio 2022

Sarà realizzato un nuovo impianto di sollevamento dal deposito Dami alla centrale di Vico.

Assicurare la continuità del servizio idrico in qualunque condizione meteorologica o stagionale ed eliminare del tutto i fenomeni di torbidità nell’acqua erogata. Nasce da questa esigenza, l’imminente realizzazione di un nuovo impianto di sollevamento a servizio degli abitati di Montecatini Alto, Nievole, Prunecce e Vico nel comune di Montecatini Terme. A realizzarlo sarà Acque SpA, gestore idrico della Valdinievole e del Basso Valdarno, a partire dalle prossime settimane. Le frazioni collinari del comune termale attualmente vengono rifornite di acqua potabile attraverso la centrale idrica Vico, che tratta la risorsa superficiale prelevata dal Nievole. In occasione di precipitazioni intense che si verificano dopo lunghi periodi di assenza di pioggia, per le tipiche caratteristiche torrentizie del corso d’acqua, si generano repentini fenomeni di torbidità che si ripercuotono sulle funzionalità della centrale, tanto che in passato la cittadinanza ha subìto ripetute sospensioni dell’erogazione, più o meno prolungate.

Con l’intervento in via di realizzazione, sarà possibile invece garantire un approvvigionamento supplementare e alternativo in caso di eventi di questa natura. Infatti, attualmente, la risorsa idrica eccedente della centrale Vico viene indirizzata verso il deposito Dami: un serbatoio posto a una quota inferiore rispetto alla centrale e che serve altre località del territorio comunale. Con la realizzazione del nuovo impianto di sollevamento, sarà possibile, all’occorrenza, invertire il funzionamento della condotta esistente, in modo da spingere la risorsa dal deposito Dami - dove giungono anche le acque provenienti dalle centrali Sant'Allucio, Panzana e Pollino - alla centrale Vico e quindi verso le singole utenze.

La realizzazione del nuovo sistema di pompaggio automatizzato e di ulteriori opere accessorie, oltre a risolvere in via definitiva le problematiche di continuità del servizio per le utenze poste nelle aree collinari, consentirà più in generale di riorganizzare in modo più efficiente l’intero sistema acquedottistico del comune grazie all’ottimizzazione dell’interconnessione dei sistemi idrici. L’inizio dei lavori - il cui valore ammonta a circa 190mila euro - è previsto nel mese di giugno. Le attività dovrebbero concludersi entro il 2022.

Secondo l'assessore ai lavori pubblici del comune di Montecatini Terme, Alessandro Sartoni, "si comincia con il piede giusto: l’aver sottoposto ad Acque la necessità di risolvere un problema che si trascina da tanti anni e vederne programmata in tempi certi l’esecuzione fa piacere e spero soprattutto faccia piacere a tutti coloro, in particolare nella zona di Porta di Borgo, che per anni hanno convissuto loro malgrado con questo problema".

"Grazie anche al sostegno delle amministrazioni comunali, Acque sta investendo in modo significativo nella protezione della risorsa idrica e nell’ottimizzazione nella sua gestione - sottolinea il vicepresidente di Acque Giancarlo Faenzi - non solo attraverso la riduzione delle perdite e la digitalizzazione delle reti, ma anche, come in questo caso, migliorando l’interconnessione dei sistemi idrici. Grazie a queste azioni, che richiedono comunque un impegno costante, siamo in grado di garantire un servizio idrico universale, continuo e di qualità".



 

 

 

Sportello online

MyAcque: l'ufficio web, gratuito e sempre disponibile


VIDEOCHIAMATA

Prenota una videochiamata con un operatore di Acque

 

Uffici al pubblico

PuntoAcque: dove, come
e quando


PRATICHE

Da fisso, attivo dal Lun-Ven: 9-18; Sab 9-13

 

Scrivici

Comunica direttamente
con noi


PRATICHE

Da mobile, attivo dal Lun-Ven 9-18; Sab 9-13

 

Tutela degli utenti

Tutti i moduli per richieste, reclami e conciliazioni


PRONTO INTERVENTO

Da fisso e mobile, attivo 24h/24